Concentrarsi e combattere la stanchezza nei mesi più caldi

Con l’arrivo del caldo ci si sente spesso stanchi e spossati e mancano le energie per vivere a pieno la bella stagione. La stanchezza può comparire facilmente in estate ed è dovuta a diversi fattori, la maggior parte dei quali riconducibili alle elevate temperature a cui il corpo non è abituato. L’organismo infatti deve mantenere costante la temperatura interna per permettere a tutte le reazioni e i meccanismi fisiologici di avvenire in maniera ottimale. La stanchezza aumenta soprattutto se bisogna lavorare o studiare. Diventa sempre più difficile tenere alto il livello di concentrazione e ottenere dei risultati ottimali.

Concentrarsi e combattere la stanchezza nei mesi più caldi

Concentrarsi sul lavoro



e nello studio: come fare?

Se la voglia di vacanza aumenta ma le ferie sono ancora lontane (e magari incombono gli esami estivi), bisogna stringere i denti e cercare una soluzione. Una disposizione d’animo positiva ed ottimista è già un ottimo rimedio contro la mancanza di concentrazione e di motivazione. Altri grandi alleati contro lo stress sono magnesio e potassio, due sali minerali fondamentali in caso di alte temperature. Il magnesio in particolare è un alleato del metabolismo energetico, mentre il potassio è importante per il mantenimento di una normale pressione sanguigna e del sistema nervoso. Nei periodi in cui la stanchezza è tanta, bastano delle piccole pause durante la giornata per rilassare e liberare la mente. Una boccata d’aria fresca e bere qualcosa aiuta a sentirsi meglio. Per chi deve studiare, il consiglio migliore è farlo all’aperto. Il contatto con la natura è importante per rivitalizzare l’organismo e per eliminare le tossine. Basterà scegliere le fasce orarie più fresche e concedersi, tra una lettura e l’altra, una passeggiata rilassante. Se la stanchezza vi coglie mentre siete al lavoro o state studiando, non interrompete mai bruscamente la vostra attività, rischiereste poi di non riuscire più a trovare concentrazione.

Concentrarsi sul lavoro e nello studio: come fare?

Quali rimedi per la stanchezza



e per concentrarsi in estate?

Con l’arrivo del caldo è fondamentale cambiare dieta, introducendo degli alimenti in grado di dare energia e ripristinare il giusto equilibrio psicofisico. Altra cosa molto importante è mangiare leggero. La sveglia che suona la mattina presto e studio o lavoro che richiedono concentrazione possono causare spossatezza e mal di testa. È importante introdurre tutti i cibi che garantiscono all’organismo un importante apporto di: vitamina A, C ed E, selenio, zinco, magnesio e potassio. Con i mesi caldi, infatti, si suda molto e si disperdono acqua, vitamine e sali minerali, preziosi per l’efficienza dell’organismo. Se la perdita di acqua non viene opportunamente integrata si può rischiare la disidratazione che si manifesta con stanchezza muscolare, difficoltà nel concentrarsi e anche sensazione di “testa vuota”. È importante inserire dei cibi freschi, escludendo quelli confezionati, ricchi di zucchero e di additivi. L’alimentazione dovrà essere il più possibile vicina alla dieta mediterranea, quindi ricca di frutta e verdura, legumi e pesce.

Quali rimedi per la stanchezza e per concentrarsi in estate?

Ritrovare



la giusta carica

Una partenza eccellente comincia proprio dalla prima colazione. Frutta fresca o un centrifugato di frutta sono senza dubbio gli alleati perfetti per affrontare la giornata con il piede giusto. Per combattere la stanchezza è utilissimo lo zenzero: assunto in una gustosa tisana sarà infatti in grado di riattivare il metabolismo e dare carica ed energia. Sostituire il caffè con tè aiuterà ad essere più attivi, soprattutto se accompagnato a qualche minuto di stretching e una bella doccia rigenerante. Durante la giornata bisogna trovare gli stimoli giusti. Lavorare con calma e senza distrazioni è importante, senza essere preda dello stress e della mancanza di tempo. Spesso infatti, si sottopone l’organismo a dei ritmi esagerati. È invece necessario ascoltare l’orologio del corpo ed essere consapevoli di ciò che si può fare e di ciò che invece è meglio tralasciare.

Ritrovare la giusta carica