Le vitamine essenziali dopo i 50 anni

Un’alimentazione varia ed equilibrata è fondamentale per assicurare all’organismo un corretto apporto di nutrienti, dall’infanzia fino all’età adulta. Tuttavia, con il passare del tempo e soprattutto dopo i 50 anni, non sempre si riesce ad assimilare la quantità di vitamine e minerali necessaria per essere in piena forma ed avere la giusta energia. L’organismo umano, in età adulta, tende ad essere meno attivo.

Le vitamine essenziali dopo i 50 anni

Tra i 35 e i 50 anni



il corpo cambia

Con il passare del tempo il metabolismo cambia, rallenta e si trae sempre meno energia dal cibo. Fisico e mente, però, mantengono inalterato il bisogno di un corretto apporto di micronutrienti, per non rischiare carenze nutrizionali. Tra i 35 e i 50 anni si manifestano diversi cambiamenti nell’organismo: la pelle è più disidratata, con conseguente comparsa delle prime rughe e il tessuto muscolare diminuisce, con un aumento parallelo dell’adipe. Per attenuare i segni del tempo sul nostro corpo e sul nostro tenore di vita, una dieta equilibrata e ricca delle giuste vitamine può aiutare: ravviva il colorito, dà vitalità alla pelle e riduce l’accumularsi dell’adipe.

Tra i 35 e i 50 anni il corpo cambia

L’importanza delle vitamine B e C



dopo i 50 anni

Dai 50 anni in poi iniziano a manifestarsi i primi deficit di nutrienti. Le cause più comuni sono un’alimentazione non corretta, diete ‘’fai da te’’, problemi di masticazione, diminuzione dell’olfatto e anche della capacità di assorbimento dei principi nutritivi, spesso legata all’assunzione di terapie croniche. Le carenze possono riguardare micronutrienti importanti per la nostra salute, per cui è fondamentale mantenere livelli adeguati di vitamine e minerali, perché possono svolgere importanti azioni antiossidanti e di sostegno del sistema immunitario. Tra le vitamine quelle del gruppo B sono importantissime per l’organismo, svolgendo diverse funzioni tra cui il supporto al metabolismo energetico legato alla riduzione di stanchezza e affaticamento. Altri micronutrienti, come le vitamine A, D, C, B6 e minerali come ferro, rame e zinco, sono fondamentali per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Tra le vitamine che non devono mai mancare dopo i 50 anni c’è la vitamina C, che svolge un’azione antiossidante e di protezione dei vasi sanguigni e il calcio, che è un ottimo elemento per prevenire l’osteoporosi, a cui le donne in menopausa sono maggiormente soggette.

L’importanza delle vitamine B e C dopo i 50 anni

Dopo i 50 anni:



importante mangiare bene

Una dieta sana ed equilibrata comprende tutti gli alimenti assunti con moderazione e criterio. Per assumere le vitamine del gruppo B è importante inserire nella dieta diversi alimenti tra cui i legumi, di cui si può fare largo consumo, le patate, il lievito di birra, il tuorlo dell’uovo, la carne di suino, il pesce e il riso integrale. Ma questi sono soltanto alcuni dei cibi a disposizione di ogni individuo. Per quanto riguarda invece la vitamina C è possibile trovarla in molti cibi freschi, tra cui fragole, kiwi, arance, lattughe ma anche i pomodori che inoltre sono ricchi di licopene, un ottimo antiossidante. Mai far mancare all’organismo le carote, il fegato, l’avocado, i fagioli e la zucca, che sono ricchi di acido folico, utile per prevenire le anemie. Tuttavia, ci sono anche dei cibi di cui conviene limitare il consumo: meglio non esagerare con burro, olio, formaggio e fare molta attenzione ai prodotti a base di farine raffinate, optando per alimenti con basso contenuto glicemico e ricchi di fibre per diminuire il rischio delle malattie correlate.

Dopo i 50 anni: importante mangiare bene